Come compilare la richiesta online nel modulo Google per il diritto all’oblio

Il diritto all’oblio può essere definito come quel diritto ad essere dimenticati, e con tale locuzione si intende una particolare forma di tutela che prevede la non divulgazione di informazioni che possono costituire un precedente pregiudizievole dell’onore di un soggetto, come ad esempio i precedenti giudiziari di un soggetto.

Storicamente, l’espressione diritto all’oblio è stata utilizzata una delle prime volte nel maggio 2014 a seguito della Corte di Giustizia Europea nota con il nome di pronuncia Costeja, o anche Caso Google Spain, che prende il nome del ricorrente che ha promosso il giudizio. 

Il modulo di Google per rimuovere notizie ed informazioni dal web

I soggetti interessati anche tramite rappresentante devono compilare il modulo web apposito che lo stesso Google mette a disposizione. Invero, una volta compilato in maniera corretta e non mancando nessun passaggio, potremmo inviare il modulo ed attendere che Google esamini la nostra richiesta al fine di cancellare quelle informazioni ovvero notizie, immagini, URL etc. che creano un pregiudizio.

Il richiedente riceverà una risposta automatica di conferma dell’avvenuta ricezione della stessa. 

Come fare nel dettaglio

La compilazione guidata del modulo è davvero molto semplice poiché Google spiega passo dopo passo tutto ciò che deve essere compilato e fornisce anche spiegazioni dettagliate sulle motivazioni poste a base delle varie domande presenti nella richiesta che vengono effettuate dal Team di Google.

Dunque, una volta compilato ciò, verrà comunicata a mezzo mail alla persona la conferma di corretta ricezione della richiesta e l’interessato verrà informato rispetto alla determinazione di Google, ed eventuale non si possa procedere con la rimozione sarà allegata alla mail anche una breve spiegazione del rifiuto della istanza. 

È bene specificare che il Team di Google non rigetta mai in maniera automatica una richiesta di rimozione dei contenuti. 

La divisione della procedura 

La procedura può essere sinteticamente ricondotta in 4 fasi, che qui riportiamo di seguito.

-viene valutata la richiesta contiene le informazioni necessarie per poter decidere. Nel caso in cui queste manchino il Team di Google potrà richiedere informazioni suppletive idonee al fine di addivenire ad un responso.

-viene stabilita se l’interessato che ha presentato la richiesta è residente in Europa ovvero sia collegata al Continente;

-viene stabilita se vi siano collegamenti ed indicizzazioni di contenuti rispetto al nome dell’interessato;

-viene deciso se la pagina per cui è stata fatta richiesta di cancellazione delle informazioni, ne includa di inadeguate, irrilevanti o non più necessarie. Inoltre si valuta la presenza di un interesse pubblico alla vicenda in oggetto, questo per il rispetto del diritto di cronaca e di informazione pubblica.

La valutazione di Google

Google, a questo punto valuterà la richiesta. Invero, il Team di Google valuta ogni richiesta in maniera autonoma, tanto che potrebbe inviarci una mail al fine di ottenere una integrazione della documentazione precedentemente allegata in sede di inoltro della domanda di rimozione, laddove la stessa non sia sufficiente per la decisione. In caso di rifiuto della richiesta, Google inoltrerà una ulteriore mail esporrà le ragioni per cui non è stato possibile procedere con la cancellazione delle informazioni o delle notizie pregiudizievoli.



Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: