Come vedere le vecchie pagine web dei siti internet chiusi in passato

A chi di noi non è mai capitato di trovare una pagina web con utilissime informazioni e poi di colpo non trovarla più perché chiusa. Ebbene seguendo questa semplice guida sarà possibile vedere le vecchie pagine web dei siti internet chiusi in passato da Google. Invero, al fine di recuperare una vecchia pagina web, internet offre diversi strumenti a disposizione, vediamone qualcuno insieme.  C’è da dire che se la pagina web è di nostra proprietà è sempre bene avere un backup della stessa al fine di non perdere mai completamente i dati.

Il primo modo sono le cache di Google

Preliminarmente è utile chiare che qualsiasi pagina che si trova sul web è tenuta in una specie di memoria da Google per un certo periodo di tempo anche se viene rimossa successivamente.

Invero, le modifiche del testo ovvero di una immagine non sono sempre assimilate nell’immediato dal browser di Google.

È come anzidetto molto probabile che vi sia uno scarto temporale dalla modifica alla registrazione della stessa di un paio di giorni. Questo ritardo, consente però di recuperare la vecchia pagina web. 

Al fine di poter sfruttare al meglio questo ritardo, o anche cache di Google e sfruttare dunque la c.d. memoria del motore del motore di ricerca al fine di visualizzare le versioni precedenti della pagina. Dunque per fare ciò basterà:

-avviare l’opzione che si trova nel riquadro della pagina web dalle ricerche Google; 

-invero, dopo la l’URL, infatti, troveremo una freccetta che va verso il basso il basso: bisognerà premere questa al fine di accedere al menu che ti ci darà il link con la copia cache.

I vantaggi per i SEO Google

Un aspetto interessante è che oltre la funzione di rinvenire la vecchia pagina web, con il testo e i contenuti multimediali precedenti è possibile trovare, tramite la medesima operazione la versione c.d. sorgente della pagina web desiderata, vale a dire il codice HTML e quella testuale di una risorsa. Per completezza è utile chiarire cosa si un codice HTML, ebbene questo è linguaggio di markup anche definito nella versione estesa HyperText Markup Language, introdotto al fine di creare delle pagine web. Sostanzialmente non si tratta che di un marcatore utile per la creazione delle pagine che si trovano online. Ad ogni buon conto, con il metodo appena citato è possibile anche avere uno strumento SEO che ci permetterà di scoprire cosa vede Google prescindendo dall’aspetto grafico.

Come fare per ritrovare un sito come era prima

Al fine di scoprire le versioni precedenti di un sito indifferentemente di un blog possiamo usare uno strumento molto utile e gratuito sul web: Wayback Machine di Archive.org. il quale ha la funzione di trovare molti dei contenuti pubblicati su internet anche se eliminati. Grazie a questo sito, che incamera tutte le pagine web, potremmo vedere, ad esempio, come si presentava una pagina diversi anni fa, anche cinque o dieci anni. Il servizio funziona come un catalogatore di tantissime pagine web dal 1996. La macchina del tempo qui descritta funziona in modo tale da scansionare in maniera periodica e continuativa tutto il web, salvando e archiviando le pagine web pubbliche ivi presenti. In questo modo lo sconfinato archivio ottenuto può essere consultato da tutti gli utenti del web.

Come funziona la macchina del tempo online

Per verificare dunque se sul sito predetto vi è la pagina che stiamo cercando non più online dobbiamo:

-in primo luogo accedere a questo link che ci porterà direttamente alla macchina del tempo;

-poi, bisognerà inserire l’indirizzo del sito web che ci interessa nel campo di ricerca in alto;

-infine, basterà cliccare sul pulsante a destra “browser history”.

All’atto di questa procedura si aprirà una pagina con in alto un grafico temporale ed in basso un calendario. Per quanto riguarda il grafico vedremo lì le scansioni realizzate della pagina web. Se clicchiamo sull’anno avremo accesso addirittura al calendario dei giorni in cui è stata cristallizzata la pagina. Selezionando la data che ci apparirà sulla pagina, potremmo avere accesso anche alla copia di quella pagina archiviata.

Se non ricordiamo il nome della pagina che vogliamo recuperare?

Laddove non ricordassimo con esattezza il nome della pagina che vogliamo recuperare, sarà necessario:

 -portarsi nella homepage del servizio all’indirizzo web.archive.org;

-nel campo di ricerca digitare i termini per la ricerca del sito, vale a dire le parole chiave del sito;

-dopo aver premuto su “Invio” dovremmo verificare se è presente il sito cercato nei risultati che vengono restituiti.

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: