Come rimuovere il proprio nome da Google

Come possiamo rimuovere il nostro nome da Google? Scopriamo insieme come farlo in questo articolo. Per qualsiasi motivo tu sia finito qui, molto probabilmente esso è connesso con la volontà di mantenere intatta la tua privacy e quindi rimuovere ogni informazione online che possa intaccarla.

Google è uno dei più potenti ed utilizzati motori di ricerca al mondo, il che fa sì che sempre più persone ogni giorno lo consultino per fare ricerche di ogni tipo, trovando anche contenuti non gradevoli scritti da terzi o che riportanti fatti personali. In questi e simili casi, è possibile sfruttare il GDPR per avere la giusta la risposta alla domanda “Come rimuovere il proprio nome da Google?

 

GDPR: cos’è e cosa contiene?

Prima abbiamo nominato il GDPR, affermando come possa esserci molto utile nel caso in cui volessimo rimuovere il nostro nome da Google. Ma perché? In cosa consiste questa sigla? GDPR è l’acronimo con cui è meglio conosciuto il General Data Protection Regulation, ovvero il regolamento europeo generale per la protezione dei dati, creato e datato al 2016. Esso ci permette di tutelare i nostri dati personali e sensibili online ed è nato in quanto l’Unione Europea ha riconosciuto l’esigenza nell’epoca virtuale moderna di tutelare i diritti dei propri cittadini, anche quelli online. Tra i tanti articoli che troviamo al suo interno, quello che più ci interessa nel nostro caso è l’art.17, in quanto sancisce il diritto all’oblio.

 

Come esercitare il diritto all’oblio su Google

Il diritto all’oblio è il diritto di ogni individuo di poter richiedere la rimozione di informazioni o dati personali dal web, sia al proprietario del sito web stesso che al motore di ricerca. Le linee guida presenti nell’articolo 17 sanciscono in particolare le procedure da seguire per effettuare la richiesta al motore di ricerca: per farla, esiste un modulo apposito che va compilato con attenzione e precisione in ogni sua parte e poi inviato a Google, che esaminerà e risponderà in breve periodo alla tua richiesta; se essa rientra nei parametri inclusi nell’art.17 del GDPR, Google stesso provvederà alla deindicizzazione del nome.

La domanda può essere rifiutata per motivi tecnici, per la presenza di URL duplicati, per il forte interesse pubblico che suscita ancora tale informazione o per la presenza di strade alternative alla cancellazione del dato per ottenere il risultato desiderato. Sono invece sempre accolta quando le informazioni personali e sensibili in questione riguardano dei minori, quando in generale sono presenti dati sensibili e privati, quando le informazioni non sono mai state o non sono più di interesse pubblico e quindi non hanno motivo di permanere online o quando le informazioni non sono mai state o non sono più veritiere e/o aggiornate. Nel caso in cui la richiesta venga rifiutata, si può sempre optare per un ricorso e sperare che un secondo team Google esamini diversamente la nostra richiesta.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: